Vai al contenuto

Voci dal ghetto, viaggio nell’inferno dei migranti: “Siamo tutti di colore”

In un “non luogo” a un chilometro dal carcere di Rebibbia, a Roma, circa 150 migranti vivono segregati in condizioni disumane

Roma, inizio marzo 2018. L’inverno tarda a congedarsi, ci si ripara ancora sotto pesanti giacconi. Fa freddo, nella Capitale. Lontani dagli occhi delle persone, segregati in un non luogo, 150 migranti vivono, o meglio sopravvivono, nel ghetto di via di Vannina: tentano di scaldarsi improvvisando piccoli fuochi, riscaldano l’acqua dentro secchi per lavarsi e ritrovare un po’ di calore. A un chilometro dal capolinea Rebibbia della metro B, in una delle tante periferie romane, uomini e donne, provenienti per la maggior parte dal Niger e dal Gambia, trascorrono qui le loro giornate. È uno dei cosiddetti “ghetti dei migranti”, elencati e descritti nel secondo rapporto Fuoricampo, pubblicato di recente da Medici Senza Frontiere. Strutture degradate sparse per tutta Italia, dove migliaia di migranti, compresi molti richiedenti asilo e rifugiati, sono costretti a vivere in condizioni disumane, senza alcun tipo d’aiuto da parte delle istituzioni.

Continua a leggere su Associazione Carta di Roma

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: