Vai al contenuto

Balconi vulnerabili

È una parte opzionale, la più piccola e periferica delle nostre case. Eppure a seconda dei semi che vi piantiamo, i balconi possono assumere le più svariate sfumature. Nella primavera dello scorso anno in tante città italiane fiorivano gli striscioni antisovrantisti in risposta al tour elettorale di Matteo Salvini. Nel Centro Italia, tra le crepe di strutture piegate dal terremoto, i terrazzi sventolano da anni vecchi lenzuoli con su il grido disperato di chi è ancora in attesa di ripartire.
Oggi, il balcone racconta l’emergenza Coronavirus. Vestendosi di speranza; punto di riferimento; rifugio e infine vedetta per individuare un nemico esterno e accantonare quello reale: la nostra ansia.
Abbiamo provato a declinare lo stato d’animo e le paure di chi continua a lavorare e di chi è costretto in casa, attraverso la voce dei protagonisti e con l’aiuto del dottor Fabio Grimaldi, psicologo e psicoterapeuta.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: