Vai al contenuto

Diversamente abilitati

La chiusura dei centri diurni, l’impossibilità di continuare le terapie riabilitative, la sospensione della scuola. Lo stravolgimento della routine dovuto all’emergenza sanitaria non ha avuto – ovviamente – lo stesso impatto su tutti. Eppure delle categorie più fragili, come i minori con disabilità e le loro famiglie, i decreti del Governo se ne sono occupati solo marginalmente.

Per mesi questi ragazzi hanno perso il contatto fondamentale con i loro coetanei, educatori e i terapisti. Con conseguenze a livello fisico, psicologico e comunicativo. A prendersi cura di loro, h24, sono state unicamente le famiglie. Accantonando paure e insicurezze e con grande fatica, i genitori si sono fatti guidare via web da educatori e insegnanti.  

Ma ora che dopo mesi di lockdown ancora si discute su come riaprire i centri diurni e ripristinare le attività riabilitative, esplode la rabbia verso le Istituzioni: «Se continuate così, ci ammaliamo noi».

Se ti è piaciuto questo podcast e vuoi dare una mano a Lorem Ipsum a prepararne altri in futuro, puoi offrirci un caffè (virtuale) cliccando qui.

Se vuoi ricevere la nostra newsletter Il Deca via mail, iscriviti gratis alla nostra newsletter! http://bit.ly/Il-Deca-subscribe

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: