Vai al contenuto

Beni di primo lusso

A fine novembre scorso il ministro dell’economia Roberto Gualtieri lo annunciò in pompa magna con un post su twitter: “Tagliata la #tampontax. Un primo segnale di attenzione per milioni di ragazze e donne nel decreto fiscale su cui abbiamo lavorato con le deputate di maggioranza di Intergruppodonne”.

Peccato che l’abbassamento dell’Iva dal 22 al 5% approvato dalla maggioranza valeva solo per assorbenti compostabili o riutilizzabili e coppette mestruali, che secondo i dati forniti dall’associazione dei ginecologi Aogoi, rappresentano meno dell’1% di quelli venduti nei supermercati e nelle farmacie.

Nel frattempo, gli alleati di governo del Movimento 5 stelle, con un emendamento a firma del senatore pentastellato Gaspare Antonio Marinello, proponevano di abbassare l’Iva anche sui preservativi, portandola al 10%. Ma l’emendamento, per qualche motivo, fu respinto.

Risultato, ancora oggi sui profilattici come sulla maggior parte degli assorbenti, dei tamponi e di tanti altri “prodotti per la protezione dell’igiene femminile”, come li chiama il decreto fiscale collegato alla scorsa legge di bilancio, i cittadini pagano ancora la stessa aliquota iva che si applica ai gioielli.

Per lo Stato italiano dunque, almeno a fiscali, il sesso protetto e il ciclo mestruale sono ancora considerati un lusso.

Ti è piaciuto questo lavoro e vuoi sostenerci? Offrici un caffè!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: