Vai al contenuto

Sotto l’ombra di un bel tir

Autostrada del Sole, quella che se la prendi da Milano ti porta verso giù. Quella che devi pagare il pedaggio, con le tariffe che continuano ad aumentare. Quella che se devi fare benzina ti costa cara. Quella che se devi arrivare fino a Roma metti in conto che ti farai almeno un’ora di fila. Se ti va bene. Se non si sono inventati altri lavori o altri danni.

Ma almeno c’è il panorama. Ti sfilano affianco le imponenti insegne del gran commercio, da Ikea a Prada. Giusto, ti toccherebbe ricomprare il mobile della cucina, ché quello che avevi si è tutto abbozzato con l’acqua, perché non valeva niente e te ne ricomprerai uno che vale ancora meno, ma costa di più. L’importante è distrarre tua moglie mentre la gigantesca insegna d’alta moda le urla che se esci alla prossima uscita c’è l’outlet.

E intanto sorpassi e ti sorpassano madonne e padrepii sui tir, rosari in led allo specchietto retrovisore, la reclame del Burger King al prossimo autogrill, l’autovelox stronzo che ti fa inchiodare, il cavalcavia, che cazzo anche questo sembra mezzo pericolante, speriamo non venga giù mentre passi tu con tutti i santi dei camionisti.

Ma stai tranquillo. Autostrade ci pensa alla tua sicurezza, non fanno mica morire gli automobilisti, sono pur sempre clienti. Insomma ha inquadrato il problema. Hai presente poco prima dell’uscita di Reggio Emilia? Sì, prima degli esibizionismi di cemento di Calatrava. C’è una casetta rossa, impossibile che non l’hai notata perché è pericolosissima. Si chiama casa Manfredi, sopra c’è scritto “Partigiano Reggiano”, come la canzone di Zucchero e, sotto, la faccia di qualche morto ammazzato dai fascisti.

Autostrade ha inquadrato il problema, dice che il murales distrae i viaggiatori e la sua presenza è vietata dal Codice della strada che all’art. 23 fa divieto di collocare lungo la sede autostradale insegne, cartelli, manifesti che possano confondere ma soprattutto distrarre l’attenzione. Dice levatelo, dieci giorni di tempo, altrimenti arriva la polizia e 19mila euro di multa. Non distraetevi viaggiatori, guidate, dite addio a quei faccioni, che verranno seppelliti ancora una volta, sotto l’ombra di un bel tir.

Ti è piaciuto questo lavoro e vuoi sostenerci? Offrici un caffè!

L'Ammazzacaffè, il digestivo di fine settimana offerto da Lorem Ipsum. In questa 62esima puntata volevamo dirti che ci piaci, sei straordinario in quello che fai, impeccabile, continua a farlo. E non rompere i coglioni

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: